Post

Guerriere

Immagine
"La narrativa e la cinematografia si sono riempite di improbabili tizie che tirano all'arco meglio di un uomo, tirano di spada meglio di un uomo, fanno a botte come un uomo,combattono con gli uomini ad armi pari in guerre e contese. C'è una vera e propria ginecofobia nel credere che il valore di una donna, l'unico possibile, sia nel suo imitare i maschi. I maschi hanno testosterone e forza muscolare: i guerrieri sono loro. Noi siamo le regine". 
L'autrice di questa falsità è Silvana De Mari, medico e scrittrice di romanzi fantasy come L'ultimo elfo. È una falsità perchè la società e il mondo della letteratura del cinema e della TV si è evoluto, ora sono le donne ad essere protagoniste dell'azione alla pari degli uomini, ed è evidente che per lei sono un aberrazione, poichè continua a sostenere il logoro stereotipo dell'uomo cacciatore e della femmina raccoglitrice che sta a casa a badare ai figli.  Pochissimi sanno che la dottoressa è una fan dichia…

Tradurre l'anello, che Fatica!

Immagine
Avevo 16 anni quando lessi per la prima volta ''Il Signore degli Anelli, inserito dal quotidiano ''Le Monde'' al 58° posto tra i  libri del XX° secolo . Acquistai il libro ordinandolo su ''Il Club Per Voi'' (esiste ancora) a prezzo scontatissimo assieme ai primi due Harry Potter per mia sorella minore, e quando arrivò a casa e scartai il pacco, sembrava il giorno di Natale. 
La mia prima edizione del Signore degli Anelli. Il libro fu distrutto dalla mia sorella maggiore durante una lite, e con le lacrime agli occhi dovetti buttare i resti. 
Questa è una versione che ho comprato diversi anni fa, con la traduzione della Alliata rivista dalla Società Tolkieniana Italiana. 


Lo lessi avidamente, anche a scuola durante le lezioni di matematica e quando non lo leggevo, lo riponevo con cura nella libreria come se fosse il più prezioso di tutti tessoori (e per me lo era). Il giorno in cui finii di leggerlo mi scesero le lacrime perchè fino a quel momento er…

Primo libro dell'anno divorato

Immagine
Recensione Ciao a tutti, questa è la prima recensione del 2020, il primo libro dell'anno che ho divorato (in 24 ore).  Inizierò da Nazitalia (Baldini e Castoldi) di Paolo Berizzi, uscito nel 2018. Era da tanto tempo che non leggevo libri sull'attualità (l'ultimo fu La Casta), ma questo mi ha colpito per tre motivi:
il sovranismo in Europa.il tema sempre attuale dell'ondata di odio (razzismo, omofobia, misoginia) sul web.l'affermazione della destra estrema in ItaliaL'autore
Paolo Berizzi è un giornalista che scrive per Repubblica. É autore di diverse inchieste sul neofascismo in Italia e dal 2009 gli è stata assegnata una scorta, a seguito di varie minacce che ha subito.

Il libro

Nazitalia comincia con il comizio di Matteo Salvini a Milano, nove giorni prima delle elezioni; all'evento sono presenti come fa notare Berizzi, alcuni neofascisti di Lealtà e Azione, un ramo di CasaPound i cui componenti sono hammerskin, tristemente celebri per le violenze e gli accolt…